Francesco Tel: +39 3475765540

Dal Lunedi alla Domenica dalle ore 07:00 alle 22:00

Treviso – Bolzano – Cesena

Cos'è il vaginismo, cause del vaginismo, terapia del vaginismo, programma del vaginismo, benessere della donna

Cause del vaginismo

Cause


Il vaginismo è una condizione che può verificarsi a causa di stress fisici, stress emotivi o entrambi. Può diventare anticipatorio, nel senso che accade perché la persona si aspetta che accada.

Trigger emotivi, includono:

  • Paura, ad esempio, del dolore o della gravidanza
  • Ansia per la prestazione o a causa del senso di colpa
  • Problemi di relazione, ad esempio avere un partner violento o sentirsi vulnerabili
  • Eventi traumatici della vita, tra cui violenza sessuale o una storia di abuso
  • Esperienze infantili, come l’esposizione a immagini sessuali o rappresentazioni del sesso durante la crescita

 

Trigger fisici includono:

  • Infezione, come un’infezione del tratto urinario (UTI) o un’infezione da lievito
  • Condizioni di salute, come il cancro o la sclerosi del lichene
  • Parto
  • Menopausa
  • Chirurgia pelvica
  • Preliminari inadeguati
  • Lubrificazione vaginale insufficiente
  • Effetti collaterali del farmaco


I problemi sessuali possono colpire persone di tutti i sessi. Una persona non dovrebbe incolpare se stessa o vergognarsi. Nella maggior parte dei casi, il trattamento può aiutare.

Fattori di rischio


I fattori di rischio fisico per l’ampia categoria di GPPPD includono:

  • Parto
  • Cattive condizioni di salute
  • Familiari con una condizione simile
  • Storia di infezioni del tratto urinario (UTI) o infezioni da lieviti
  • Sindromi dolorose croniche
  • Endometriosi
  • Malattia psichiatrica
  • Stress o ansia

I sintomi psicologici e sociali possono includere:

  • Trauma da violenza sessuale o abuso sessuale infantile
  • Trauma da un esame ginecologico o altra procedura medica che comporta l’inserimento vaginale
  • Un altro tipo di trauma derivante da diversi fattori economici o sociali
  • Percezioni negative del sesso o credenza nei miti sulla sessualità
  • Abusi sessuali o fisici, anche da parte di un partner romantico o di un familiare
  • Altri problemi nella propria relazione sentimentale
  • Problemi emotivi


Diagnosi


Per diagnosticare il vaginismo, un medico prenderà una storia medica ed eseguirà un esame pelvico. Il medico potrebbe dover escludere possibili cause sottostanti, come un’infezione, prima di concentrarsi sul trattamento del vaginismo.

Secondo i criteri del DSM-5 per la diagnosi di GPPPD (incluso il vaginismo), per ottenere una diagnosi, una persona deve avere uno o più dei seguenti sintomi per almeno 6 mesi e sperimentare un disagio significativo:

  • Difficoltà vaginali durante i rapporti sessuali
  • Dolore vaginale o pelvico durante rapporti sessuali con penetrazione o tentativi di penetrazione
  • Irrigidimento o tensione dei muscoli del pavimento pelvico durante rapporti sessuali con penetrazione o tentativi di penetrazione
  • Sentimenti di paura o ansia per provare dolore vulvovaginale o pelvico dalla penetrazione vaginale

Condizioni che possono simulare il vaginismo

Alcune condizioni possono presentarsi in modo simile al vaginismo ma sono disturbi diversi. Loro includono:

  • Vaginite atrofica, che si riferisce a un assottigliamento e asciugatura delle pareti vaginali dopo la menopausa a causa della riduzione degli estrogeni
  • Vestibolite vulvare, che provoca dolore intenso durante il rapporto o l’inserimento di un oggetto come un tampone (il dolore di solito si verifica nella vulva, la parte esterna dei genitali femminili)
  • Infezione vaginale, come un’infezione da lievito o una malattia a trasmissione sessuale (STI)
    lichen sclerosi o un altro disturbo che può creare tessuto cicatriziale vaginale
  • Trauma fisico alla zona vaginale
  • Passare lunghi periodi senza rapporti sessuali penetrativi, che possono portare a difficoltà temporanee durante la penetrazione
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata. Se si hanno dubbi o quesiti sull’uso di un farmaco è necessario contattare il proprio medico.