Francesco Tel: +39 3475765540

Dal Lunedi alla Domenica dalle ore 07:00 alle 22:00

Treviso – Bolzano – Cesena

L'importanza del piacere benessere della donna

L’importanza del piacere

Troppi di noi credono che tutto il nostro tempo che non è “produttivo” sia una perdita di tempo e/o si sentono in colpa quando non sono “produttivi”. È un atteggiamento di scarsità di risorse e lo sperpero delle nostre risorse porterà alla nostra fine. Siamo orgogliosi dell’efficienza. Ed è proprio lo squilibrio tra lavoro e assenza di divertimento che contribuisce allo stress, all’ansia e alla depressione. 

Ci blocca anche dalla nostra forza vitale, il carburante dell’erotismo. L’erotismo è inefficace. Ama sprecare tempo e risorse. “L’erotismo è un atto fantasioso e non puoi misurarlo. Esaltiamo l’efficienza e non riusciamo a riconoscere che lo spazio erotico è un intermezzo radioso in cui ci godiamo, indifferenti alle esigenze di produttività; il piacere è l’unico obiettivo”. L’erotismo è il piacere fine a se stesso.

Può interessarti anche: Ciclo di risposta sessuale

La cosiddetta disfunzione sessuale numero uno riscontrata nelle donne oggi è la mancanza di desiderio. “Ciò di cui tutti abbiamo bisogno è essere connessi con la nostra forza vitale. Dobbiamo essere presenti e vivi in ogni situazione. Ma non puoi essere presente se trascorri tutto il tuo tempo lavorando, o preoccupandoti, o provando risentimento per tutto ciò che devi fare. 

Spostare la tua attenzione sul piacere e sull’apprezzamento, iniziando dalle piccole cose, può letteralmente cambiarti la vita”.

Perseguire deliberatamente il piacere e il gioco è ciò che alimenta la nostra forza vitale, sia per le donne che per gli uomini. Richiede la ricerca di pensieri, relazioni, ed esperienze piacevoli e concedersi del tempo per il piacere su base giornaliera. È importante non aspettare “in vacanza” per abbandonarsi al piacere. 

Dobbiamo renderlo parte del nostro stile di vita, prendendoci del tempo per concentrarci su ciò che si sente, appare, suona, odora e ha un buon sapore.

Il piacere non riguarda solo il sesso. “Scoprirai che tutta la tua vita, così come quella sessuale, migliorerà concentrando la tua attenzione su altre cose piacevoli oltre al sesso. Questa pratica di accesso a tutti i tipi di piacere ti aiuta a essere pienamente presente quando fai sesso. E scoprirai di portare in camera da letto tutte quelle altre piacevoli esperienze”. 

Un tipo di piacere su cui mi concentrerò qui è il gioco. Copio quello descritto dal Dott. Stuart Brown, fondatore del National Institute for Play, dà questa definizione:

Apparentemente senza scopo: il gioco è fatto fine a se stesso, non per raggiungere uno scopo

Volontario: il gioco non è un requisito né un obbligo

Intrinsecamente attraente: il gioco è divertente e fa sentire bene

Fuori dal tempo: quando sei completamente impegnato nel gioco, perdi il senso dello scorrere del tempo

Al di fuori di sé: quando sei completamente impegnato nel gioco, diventi meno consapevole di te stesso

Improvvisazione: il gioco è spontaneo e non si blocca in un modo rigido di fare le cose

Leggermente avvincente: il gioco ti fa venire voglia di fare di più

“La felicità non consiste nell’arrivare lì; si tratta di essere qui, è un modo di essere”. Il gioco ti mette in contatto con il presente, con la felicità che si trova nel momento presente. Quando giochi e ti diverti, ti concentri solo su ciò che accade proprio di fronte a te. Il tempo del gioco ti risveglia alla gioia di vivere. E il gioco non si limita ai giochi o agli sport. L’arte, la musica e tutte le forme di espressione creativa, come cucinare, trapuntare, costruire, armeggiare e persino il lavoro, possono essere giocate.

Il gioco è più una questione di attitudine che di attività. Apertura, consapevolezza e spontaneità sono tratti chiave di una mentalità giocosa. 

Quando sei aperta, consapevole e nel momento, potresti scoprire di gravitare verso attività che ti davano piacere da bambino. Può essere una semplice esperienza spontanea con i sensi, come fermarsi ad annusare un fiore, toccare un albero che sembra morbido o interessante, calciare pietre o ciottoli, camminare sull’erba a piedi nudi, saltare in una pozzanghera, osservare una farfalla, trovare forme tra le nuvole o l’interazione con un animale. 

Può essere un movimento o una danza, parlare con una voce divertente o semplicemente essere sciocco in qualche modo. Il gioco è per la vita, non solo per l’infanzia.

C’è chi si chiede se cercare il piacere e il gioco non sia egoismo. Trovare il tempo per divertirsi e giocare nella tua vita potrebbe essere fonte di ispirazione per chi ti circonda. I benefici che uno può finire per avvantaggiare tutti. Dare valore alla tua salute e alla tua felicità non deve significare sacrificare ciò che fai per gli altri. E più sei felice e in salute, più sei disponibile per gli altri.

Avere un equilibrio tra lavoro e gioco è la chiave per la tua salute e felicità. E più sei sano e felice, più sane e felici saranno le tue relazioni. Inoltre, mentre alimenti la tua forza vitale con il piacere e il gioco, potresti notare un cambiamento nel tuo desiderio sessuale, diventando più presente e curioso. 

Cosa devi lasciare andare per incorporare più gioco nella tua vita? In che modo puoi essere più aperto, consapevole e spontaneo con i sensi? Un semplice cambiamento nel concentrarsi sul piacere e sull’apprezzamento può cambiare la vita.

“Segui la tua felicità”, Se non la conosci più o è persa contattami posso aiutarti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata. Se si hanno dubbi o quesiti sull’uso di un farmaco è necessario contattare il proprio medico.