Francesco Tel: +39 3475765540

Dal Lunedi alla Domenica dalle ore 07:00 alle 22:00

Treviso – Bolzano – Cesena

Rigenerazione della pelle medicina naturopatica

Rigenerare della pelle

apevi che il corpo umano perde ogni giorno circa 50 milioni di cellule della pelle? La rigenerazione della pelle è uno stato normale in questo organo , poiché la durata della vita delle cellule della pelle è di circa quattro settimane, il processo deve essere costante.

Anche se non ti sei mai preso cura della tua pelle, non è troppo tardi per iniziare. La pelle inizia a invecchiare intorno ai 20 anni, spesso senza che ce ne rendiamo conto. Iniziamo a prenderne coscienza quando notiamo che alcuni dei prodotti che utilizziamo nella nostra routine di pulizia e cura non funzionano più altrettanto bene.

I geni, le abitudini quotidiane e il sole causano cambiamenti. Per mitigarne l’impatto è necessario capire cosa è coinvolto nel processo di rigenerazione della pelle.

Qual è il processo di rigenerazione della pelle?

Lo strato esterno: l’epidermide

Questo è lo strato più esterno della pelle ed è anche lo strato più sottile. Lo scopo dell’epidermide è quello di proteggere gli altri due strati della pelle dagli agenti atmosferici e dall’ambiente circostante.

Ci sono diversi strati separati nell’epidermide, tra cui lo strato lucido, lo strato granuloso, lo strato germinativo e lo strato spinoso. Nell’epidermide si possono trovare anche diversi tipi di cellule, ciascuna con un ruolo diverso.

Le cellule della pelle che compongono l’epidermide si rigenerano circa ogni 28 giorni , un processo che prevede la sostituzione delle cellule superficiali della pelle con altre nuove.

Questo processo rallenta invariabilmente man mano che si invecchia . Per questo motivo, anche la guarigione richiederà più tempo per essere completata, il che significa che eventuali tagli o contusioni che si verificano nell’epidermide saranno visibili per un periodo più lungo come il personaggio.

Il secondo strato: il derma

Il secondo strato della pelle è il derma, costituito da vasi sanguigni che trasportano nutrienti e ossigeno in tutto il corpo eliminando i prodotti di scarto in esso contenuti.

Questo strato di pelle è molto complesso ed è formato da numerosi componenti, come il collagene, che aiuta la flessibilità, l’elastina, le ghiandole sudoripare che regolano la temperatura corporea e le terminazioni nervose.

La riduzione delle fibre elastiche e del collagene che si verifica nel tempo porta alla comparsa delle rughe. Con l’avanzare dell’età, la pelle perde naturalmente parte della sua elasticità.

Il terzo strato: l’ipoderma

Il terzo strato della pelle è noto come ipoderma ed è composto da grandi nervi e vasi sanguigni. È composto anche da tessuto connettivo e tessuto adiposo.

La sua funzione è quella di fungere da sorta di isolante che fornisce ulteriore supporto sotto forma di regolazione della temperatura corporea. Poiché fornisce isolamento e regola la temperatura corporea, funge da protezione per gli organi interni. Con l’avanzare dell’età, la quantità di tessuto adiposo nell’ipoderma diminuisce, motivo per cui la pelle alla fine si affloscia e la sua efficacia nel proteggere .

Quanto tempo ci vuole per rigenerare la pelle?

Nel corso della vita, la pelle cambia costantemente, nel bene e nel male. Si rigenera circa ogni mese. Quando una persona raggiunge un’età compresa tra i 40 ei 50 anni, il ciclo di rigenerazione avviene ogni mese e mezzo o due. Questa sequenza temporale si espande a due o tre mesi quando raggiungono i 60 anni o più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata. Se si hanno dubbi o quesiti sull’uso di un farmaco è necessario contattare il proprio medico.